Di ingiustizie e incongruenze

8 giugno 2015 in Generale

Ieri, durante i festeggiamenti per il palio cittadino, due cuccioli sono morti nel centro animali selvatici di Grugliasco a causa dei “botti” dovuti ai fuochi d’artificio, ed altri animali si sono feriti agitandosi nelle gabbie a per la paura.

Purtroppo viviamo nel paese delle incongruenze: a fine 2014 in Consiglio Comunale è stata approvata una delibera che vieta lo sparo di fuochi d’artificio, e adesso ci tocca venire a conoscenza di questa disgrazia causata dallo sparo di fuochi voluti dall’amministrazione stessa (e non lo si può negare qualsiasi idea politica si abbia!).
In occasione dell’approvazione della delibera, l’assessore Turco, come riportato qui, dichiarava «Naturalmente le manifestazioni di gioia sono benvenute, a patto che non si realizzino a scapito delle altre forme di vita. Se davvero vogliamo dirci umani abbiamo il dovere di trattare ogni altro vivente con senso di umanità».
Oggi invece ci tocca leggere queste dichiarazioni del Sindaco Montà in seguito all’accaduto «Inoltre lo spettacolo è durato appena 15 minuti- continua il sindaco- Mi spiace per quello che è successo, ma la festa è un diritto dei cittadini» (qui un articolo in merito) che mi portano quasi a dare ragione a quelle persone che ritengono abbia uno stile altezzoso ed arrogante.

Viviamo nel paese delle incongruenze: politici che impongono sacrifici a cittadini mentre loro guadagnano infiniti benefici; sbandieramenti di ingenti investimenti in opere strategiche che poi si rivelano inutili; promozione del rispetto dell’ambiente e successiva costruzione di inceneritori.
E mi fermo qui, senza citare rapporti mafia-stato che magari ai più deboli di cuore possono sembrare solamente illazioni fatte da stupidi “complottisti”.

Quando ci decideremo tutti ad impegnarci attivamente per cambiare in meglio questo paese?