ALCUNI BUONI MOTIVI PER VOTARE MoVimento 5 Stelle (parte prima)

19 gennaio 2013 in Generale

1) Incostituzionalità italiana

Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi mediante la proposta, da parte di almeno 50 mila elettori, di un progetto redatto in articoli” (art. 71 della Costituzione).

Il progetto, accompagnato dalle firme degli elettori proponenti, deve essere presentato a uno dei Presidenti delle due Camere, il quale lo presenta alla Camera di competenza, la quale deve verificare il computo delle firme e accertare la regolarità della richiesta. Così come il referendum, l’iniziativa popolare è istituto di democrazia diretta.
La proposta di legge di iniziativa popolare che voleva impedire la candidatura di politici condannati e che reintroduceva le preferenze, ponendo un limite massimo di 2 mandati, raccolse al V- Day del 2007 350 mila firme. La proposta di referendum per eliminare il finanziamento pubblico all’editoria e abrogare l’ordine dei giornalisti, raccolse al Vaffa-Day del 2008 500 mila firme.
La mia firma e quelle di altri 499 mila cittadini giacciono, dal 2007-2008, nelle cantine di Montecitorio. Più di 1 milione di firme, raccolte per una proposta di referendum abrogativo dell’attuale legge elettorale detta Porcellum (Calderoli-Casini), sono finite al macero grazie alla Corte in-Costituzionale che l’ha bocciata.

La domanda è: esistono strumenti che permettano al cittadino di esercitare la democrazia attraverso gli articoli della Costituzione? I fatti ci dicono di NO.
L’ ultima possibilità che ci resta è votare in maniera massiccia MoVimento 5 Stelle e mandarli TUTTI a casa.

2) Costituzione italiana

Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione” (Piero Calamandrei)

Un miliardario liftato e un bocconiano bancario, affiliato al Gruppo Bilderberg, vorrebbero modificare la “Costituzione Italiana”. L’ultima “geniale”idea del bancario, è quella di cambiare la Costituzione modificando il titolo V, che oggi dà alle collettività locali poteri di blocco circa le infrastrutture. Attenti a quei 2.
Provate a immaginare quante inutili TAV sarebbero capaci di far costruire.
Entrambi da reparto di geriatria, 77 anni uno e 70 l’altro, avrebbero la pretesa di portare l’Italia nel futuro.
Il Movimento 5 Stelle si fa garante della Costituzione e vuole che venga applicata alla lettera. Un punto importante del nostro programma è l’insegnamento della Costituzione nella scuola dell’obbligo. I Principi “fondamentali” (articoli 1-14)e i “Diritti e doveri dei cittadini” (articoli 13-54), devono diventare fondamentali per la formazione culturale delle future generazioni. La Costituzione nella sua completezza, quindi, comprensiva dell’ “Ordinamento della Repubblica” (articoli 55-139), dovrà essere dominio di tutti i funzionari pubblici.

3) Candidati

I candidati del MoVimento 5 Stelle sono tutti incensurati. Non possono svolgere più di 2 mandati e sono stati scelti tramite votazione online. I capolista donne sono il 55%. Non ci sono candidati famosi che appartengono al mondo dello sport, dello spettacolo, dell’editoria, del giornalismo, della magistratura o dell’imprenditoria. Ci sono semplicemente cittadini “portavoce dei cittadini”. Nel MoVimento 5 Stelle non servono leader. Servono persone capaci di lavorare in gruppo. La dimostrazione di come un buon gruppo può fare un buon lavoro, la potete verificare guardando come il MoVimento 5 Stelle sta amministrando la città di Parma. Il gradimento dei cittadini nei confronti dell’amministrazione è alto e il coraggio di cambiare, attraverso il voto, li sta premiando.
Se per qualcuno di voi c’è differenza tra un candidato pulito e uno condannato, imputato, indagato o prescritto, eccovi un elenco dei 100 parlamentari condannati, imputati, indagati o prescritti della legislatura uscente.
Il gioco è: trovate quali sono quelli ricandidati nelle nuove liste.